la missione estiva sulle montagne di Tropoja (Albania)

30.09.2012

Il gruppo teatrale di Scutari va avanti a gonfie vele: mercoledì sera ha presentato “Forza Venite Gente” a Tirana nella cattedrale. Ora daremo altri tre spettacoli, qui nei dintorni di Scutari. Sembra che il messaggio passi e sembra anche che lo spettacolo piaccia.

Abbiamo concluso la missione estiva nei villaggi delle nostre montagne. Essa è fortemente voluta dal Vescovo che ha a cuore i fedeli piu’ disagiati e lontani dai centri. Si cerca di offrire almeno la visita alle famiglie, la catechesi, la preparazione ai sacramenti e la celebrazione, una volta all’anno, nell’estate.

Vi partecipano i sacerdoti della diocesi e, oltre a noi, alcune suore di altre congregazioni P7050020__300_x_225_e anche catechisti laici. Il centro è la nostra casa di Dushaj dove i  missionari vengono accolti e da dove partono ogni mattina per il loro annuncio. Quest’anno abbiamo avuto quattro gruppi per altrettante diverse zone di  Missione. Il gruppo piu’ numeroso e interessante è stato quello venuto dal seminario di Caltanissetta, diocesi gemellata con la nostra; con il Padre rettore, il vicerettore e il padre spirituale, c’erano tutti e  9 i seminaristi.
Le suore aiutano a comprendere la realtà, accompagnano, traducono, condividono e si preoccupano di creare le condizioni perché il servizio al Vangelo sia sereno.

A conclusione di una missione: abbiamo portato in barca e poi in processione la croce e la statua della Madonna per la nuova chiesa. La cosa è stata suggestiva: si e’ svolta nel tardo pomeriggio e si è conclusa al buio della notte. Da notare che nella chiesa, non ancora terminata, non esiste illuminazione e il ritorno sia per scendere dalla montagna che per attraversare il lago con la barca è stato … molto poco romantico!

 

 

 

 

Sr Cristiana

Precedente Il valore di un pellegrinaggio a Gemona, in Casa Madre Successivo 4 ottobre 2012 - L'augurio di sr. Marta