Paenaan (Antipolo-Phl) 21-25 Gennaio 2013: novizi-raduno interfrancescano

06.02.2013

“Chiamati a rispecchiare il Vangelo,
camminando con i poveri verso la pienezza della vita
e sanando la Madre Terra.”

Le novizie di Quezon City hanno partecipato all’annuale incontro interfrancescano. Ascoltiamo le loro risonanze:

Desidero esprimere la mia grande gratitudine alla Congregazione per aver potuto partecipare ai cinque giorni di raduno dei novizi della grande famiglia Francescana francescani a Paenaan (Antipolo).
Nella sua omelia iniziale P. Robert Reyes  ci ha detto, “Ora rallegriamoci perché lo Sposo è qui, non digiuniamo, Lui e’ in mezzo a noi!”. Ho accolto questo messaggio come sicurezza per quei 5 giorni.
Sono stata molto contenta ad ascoltare i diversi cammini di conversione dei vari membri. Mi sono chiesta:” Di che cosa ho bisogno  per il mio processo di conversione? Come posso camminare con i Poveri? Dove succede questo cammino?” Sono stata toccata da come Dio sta accanto e cammina con ciascuno, siamo unici per Lui. Egli  lavora con ognuno in diversi modi e in diversi momenti o età. Camminare con i poveri, come ha fatto San Francesco, è la mia vocazione come francescana e io amo di realizzarla.
Durante il ritiro, ho sentito la bellezza della creazione attorno a me: gli alberi verdi e le radici che affondano nella terra perchè sboccino i fiori; il sole illumina la bellezza della creazione che riflette la bellezza del Creatore. La potenza, la meraviglia, il silenzio, tutta la bontà è in Lui e da Lui. Allora ho chiesto a me stessa, come una della sue creatura, come posso ripagare tutta la bontà che mi hai dato, Signore? Solo posso amarti e seguire la tua volontà nella Congregazione in cui sono chiamata.
Il mio cuore è pieno di gratitudine per la Congregazione, per la mia maestra, sr. Lucy, per le  mie compagne di noviziato, per la perfetta letizia e semplicità  tra noi tutti membri dell’incontro, ma soprattutto per il nostro Signore Gesù  Cristo chi è sempre in mezzo a noi. Che Dio riunisca nel desiderio di lavorare insieme per la Nuova Evangelizzazione, rispecchiando il Vangelo, camminando con i poveri verso alla pienezza della vita e custodendo la Madre Terra.
Glenn Daga – Novizia fmsc

Questo  evento per me e’ stato veramente una grande benedizione. Appena siamo arrivate ho sentito il calore della fraternità perché  l’atmosfera era piena dello Spirito di unione, per essere tutti figli e figlie del nostro Serafico Padre San Francesco.
Ci  siamo confrontati con le sfide del Vangelo nel nostro mondo d’oggi e ci siamo chiesti: “ Sto traducendo seriamente e religiosamente la Parola di Dio nella mia vita?” P. Chris Pine, OFM, ci ha invitato a ritornare al  Vangelo, fonte della spiritualità  e alla sfida di viverlo.
Dall’esperienza della conversione di San Francesco e S. Chiara abbiamo potuto rivisitare e guardare  da vicino le nostre storie personali di conversione, ossia come Dio ci ha toccato . Sono riconoscente a Dio per l’iniziativa di avvicinarsi a me nei vari eventi nella mia vita.  Riconosco che Lui ha cura di me nella pienezza del Suo amore. Il concreto esempio di questi santi mi dà la consolazione e l’ ispirazione che la santità e’ offerta a ciascuna, anche a me, debole e peccatrice.
P.Gene Pastidio, OFM, ci ha messo a fuoco come noi Francescani camminiamo con i poveri. Il cammino con i poveri non deve rimanere solo nell’ illusione. Deve  essere concreto. Chi e’ il realmente povero? Uno di quelli che vive nella nostra comunità, oppure un nostro vicino. “Solo i poveri sanno  camminare con i poveri, solo i poveri possono far felici i poveri”. Dopo 3 giorni di intensa attività  e conferenze, abbiamo condiviso anche le risate e  la nostra creatività. Mi sono commossa alle testimonianze di semplicità ed umiltà.
Alla fine di questo avvenimento, concludo con 2 espressioni:  Grazie a Dio per questo indescrivibile dono.
Grazie a voi Suore per il pieno e amabile appoggio nel nostro cammino formativo.
Grazie a Dio, anche  per le sfide che ci hanno aperto gli occhi su che cosa e come possiamo rispondere al bisogno del nostro tempo perchè ci sia pienezza di vita.
Grazie anche ai nostri fratelli e sorelle che hanno condiviso con noi e ci hanno dimostrato che non siamo sole nel cammino.
Aileen Flores – novizia fmsc

Precedente Scutari: i nostri ragazzi ancora in scena ... Successivo 11 febbraio 2013: Benedetto XVI rinuncia al ministero petrino