Suore e laici insieme: la comunità allargata di Borgo Carso

28.01.2013

Nel trascorso Natale, la nostra comunità, assieme alle Laiche associate,  si è dedicata al Mercatino Missionario come espressione concreta di carità verso le missioni.

mercatino_1

Con il gruppo del secondo anno di Cresima, sr. Cristina ha organizzato il “presepe vivente”. La preparazione ha richiesto vari incontri di preghiera, seguiti da una merenda.
Durante la celebrazione della S. Messa della notte, la commemorazione si è svolta con eleganza e semplicità. I ragazzi erano così compresi nel loro ruolo ed attenti che i fedeli si sono sentiti aiutati ad entrare nel Mistero del Santo Natale.

La rappresentazione si è ripetuta il giorno 6 gennaio durante la cerimonia del Bacio del Bambino Gesù, con l’aggiunta dell’arrivo dei “Magi”.
Rendiamo lode al Signore datore di ogni bene.

23 gennaio: 119° anniversario della morte di P. Gregorio

Nel giorno commemorativo della nascita al cielo del Servo di Dio Padre Gregorio Fioravanti, nostro venerato fondatore, la fraternità di Borgo Carso e le sorelle laiche associate hanno pregato i Vespri  insieme. Ogni membro del gruppo ha rinnovato il suo impegno nella nostra famiglia religiosa.

La liturgia si è svolta in maniera molto semplice, ma con grande. Suor Valeria ha introdotto e guidato la preghiera, in cui abbiamo letto un brano dalle Cronache, dagli annunci di morte comunicati ai fratelli ed alle sorelle del tempo e da “francescano eroico”. Quindi abbiamo condiviso in letizia una semplice agape fraterna.

 “E’ fonte di gioia attingere e rinnovarsi nella preghiera. – scrive Gilda, una nostra sorella laica – Molto significativo questo momento che commemora la morte di Padre Gregorio e ci pone in comunione con la nostra famiglia francescana. Unite nella preghiera e rinnovate nello Spirito, affidiamo a Dio, a Maria e al nostro modello di santità, Padre Gregorio: i pastori, il nostro parroco, le suore, e noi tutte laiche associate, per un cammino proficuo nella fede.
Non tralasciamo nella nostra preghiera chi ci ha preceduto nel segno della fede e chi è nella sofferenza. Rendiamo lode a Dio di ogni suo beneficio.
Da tutte, cari saluti ”.

Precedente Incontro europeo dei giovani Successivo Continua alacremente la missione di Calbayog