Pasqua a Scutari

Il sabato santo in tutte le chiese ha luogo la benedizione dei cibi. E’ una vecchia tradizione molto rispettata e, anche coloro che non frequentano la chiesa,  arrivano scrupolosamente con cestini DSC01454pieni di ogni ben di Dio per la colazione della Pasqua: pane, sale, le uova sode, le cipolle fresche e il dolce di Pasqua. Si fanno diverse celebrazioni e la chiesa si riempie immediatamente; appena terminata una celebrazione, ne segue un’altra; la cosa continua per tutta la giornata. C’è qualcuno che arriva anche nel giorno di Pasqua e si offende se non si benedice il suo cesto! Si sente escluso dalla benedizione di Dio.

°°°°°°°              °°°°°°°           °°°°°°°

DSC01373Nella nostra chiesa di S. Nicola, i battezzandi adulti hanno celebrato i riti del catecumenato molto seriamente e solennemente durante il tempo di Quaresima. Quest’anno erano 6, fra i quali due musulmane di nascita: una giovane mamma e una ragazza che ora fa parte del coro e accompagna i canti con il violino. DSC01438

Nel giorno di Pasqua c’e’ stato il Battesimo dei bambini in una celebrazione comunitaria. Erano 18, di età compresa tra i pochi giorni e i 7 anni . E’ stata una festa coreografica: alcuni passeggiavano durante la celebrazione e cercavano amicizie reclamando ad alta voce: “bebi!”.                                          (sr. Cristiana)

 

 

 

Precedente Ingresso in noviziato di Angel Rose E. Solas (Quezon City - Phl) Successivo 13 aprile … pellegrini per un giorno