Festa delle Stimmate di San Francesco

 

Quanto a me non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo della quale il mondo per me è stato crocifisso, come io per il mondo. (Gal 6,14)

10402690_10203996040316552_2825239114232375353_nO Dio pensa che dal Golgota
hanno divelto la tua croce
e me l’hanno piantata nel corpo.
Tu non sai quante torture d’amore.
Risveglio la tua resurrezione ogni notte
e muoio ogni giorno
nelle mie fragranze deboli.
Piantare Cristo in noi,
piantare la croce nel palpito
dei nostri visceri,
sentire la maternità del legno.[…]
 
Un giorno, Signore,
tu mi hai dato di più:
mi hai dato il dolore dei tuoi chiodi,
hai sconfitto e trafitto le mie carni,
mi hai fatto morire con te sulla croce.
Ho sentito i lamenti delle tue mani,
l’orrore e lo spavento della tua morte.[…]
Io canterò il peana del tuo dolore.
 
(Alda Merini)
 

 

Precedente L’ultima esperienza dell’estate di Dushaj (Albania) Successivo Montale: incontro dei cresimandi della parrocchia di Monte Porzio