Un anniversario semplicemente celebrato

Nella chiesa di S. Nicola a Scutari dove abbiamo noi la responsabilità’ della pastorale avendo un sacerdote solo per l’Eucarestia della  domenica,  ultimamente con grande entusiasmo abbiamo festeggiato l’anniversario del Gruppo Giovani “Gesù mia forza” nato il 19 marzo 2011. Nonostante momenti di stanchezza, ancora oggi i giovani restano uniti e seguono il programma di formazione.

Certamente il gruppo si è rinnovato, alcuni sono andati in emigrazione, altri si sono sposati, altri ancora si sono orientati ad altri gruppi dove si sentono meglio integrati. Ma questo non ci spaventa, è normale questa evoluzione, anzi è segno di vita e di rispetto.

I giovani di “Gesù mia forza” si  ispirano alla  spiritualità di  S. Francesco , con il quale camminano per sentirsi sempre più chiesa, per trovare il loro spazio di servizio nella Comunità Cristiana e soprattutto per capire il piano di Dio sulla loro vita e rispondervi con generosità.

La domenica pomeriggio è il tempo dedicato alla loro formazione e una volta al mese partecipano agli incontri dei giovani francescani. Non mancano attività diverse nelle quali si impegnano a seconda della necessità della Chiesa.

Abbiamo voluto ringraziare il Signore per il dono dei nostri giovani domenica 19 marzo, con un momento nella Comunità Cristiana e un momento tutto per loro. Abbiamo molti motivi per ringraziarLo. Vediamo che molti di loro prendono le cose seriamente, alcuni hanno trovato il loro posto nel servizio liturgico come ministranti, nel coro o come  lettori . Altri si dedicano alla catechesi dei bambini, altri ancora hanno fatto il corso per diventare animatori e organizzano e animano I momenti comunitari di gioco e altre attività con I bambini.

Diamo ora la parola a Kristjana, una ragazza del gruppo che ci racconta l’esperienza del giorno dell’anniversario.

“Il gruppo del quale faccio parte “Jezus forca ime” ormai è cresciuto e festeggia il suo sesto anniversario. Abbiamo cominciato questo ricordo con la S. Messa con la partecipazione di tutta la Comunità Cristiana. Padre Marino, nonostante al centro dell’attenzione fossero i catecumeni che la notte  Pasqua riceveranno il Battesimo, ha voluto rivolgerci parole di compiacimento e di incoraggiamento ad approfittare del nostro cammino spirituale per conoscere sempre più Gesù, incontrarlo e metterci alla sua sequela. Un grande cartello che illustrava il gruppo con tutte le attività’ e gli obiettivi, era esposto in chiesa e attirava l’attenzione ma ci ricordava quanto dobbiamo essere grati a Dio per il dono di una esperienza così importante e bella.

Dopo la S. Messa siamo partiti per Hot, un villaggio non molto lontano da Scutari,  alla ricerca di un luogo tranquillo per vivere  questo giorno lontano dalla confusione quotidiana.

Con molto raccoglimento abbiamo dedicato a Dio un’ora di adorazione e nel silenzio e nella solitudine lo abbiamo ringraziato per I doni che ha fatto a ciascuno di noi e abbiamo chiesto la grazia di crescere nella fede e di vivere ogni giorno più la nostra vita con Lui.

Dopo aver condiviso il pranzo da noi stessi preparato, abbiamo avuto molto tempo libero per divertirci e per giocare. Più tardi siamo saliti in alto sulla montagna per godere il panorama veramente eccezionale  Come gruppo giovani che si chiama “Gesù mia forca” chiediamo proprio a Lui che sia la nostra forza nel confrontarci con le sfide della vita”.  

 

Precedente “Il perdono e’ un bel guadagno” Successivo Albania: speciale Giubileo