Incontro di condivisione e approfondimento

 

“Non potrà mai esserci né pastorale vocazionale, né missione cristiana senza la preghiera assidua e contemplativa. (…) Continuate a pregare il Signore perché mandi operai nella sua messe (…) capaci di farsi prossimi con i fratelli ed essere, così, segno vivo dell’amore misericordioso di Dio. (…) Ancora oggi possiamo ritrovare l’ardore dell’annuncio e proporre, soprattutto ai giovani, la sequela di Cristo. (…) I nostri giovani hanno il desiderio di scoprire il fascino sempre attuale della figura di Gesù”.                                                                                 (Dal messaggio di Papa Francesco per la 54ª Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni)

 

Il messaggio del Santo Padre per la Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni, quest’anno non è rivolto direttamente ai giovani, ma agli operatori pastorali, alle comunità parrocchiali, alle comunità religiose… a noi giovani suore rappresentanti delle varie comunità della Provincia Maria Immacolata che periodicamente ci incontriamo per riflettere sulla bellezza della nostra vita vissuta come risposta alla chiamata di Dio.

Sabato 29 e Domenica 30 Aprile, ci siamo incontrate in Casa Provinciale: Suor Silvana Bottan, Suor Rosalia Vedovato, Suor Cristina Bottan, Suor Marisa Orquin, Suor Josie Enaje, Suor Amela Nol, Suor Mirza Corral, Suor Victoria Simora, Suor Marta Lucatelli, guidate dalla nostra Superiora Provinciale Suor Marta Camerotto.

Abbiamo insieme letto e commentato il messaggio del Papa che ha rinnovato in noi la gioia del nostro incontro con il Signore e rimotivato l’entusiasmo dell’annuncio e della missione che è testimonianza, racconto, condivisione di un’esperienza vissuta.

Il forte invito del Papa alla preghiera assidua, oltre a dirci che è nella relazione intima con il Signore, nella misura in cui ci si apre all’azione dello Spirito di Dio, che nasce ogni vocazione, ci fa anche riflettere che pregare per le vocazioni non è un anelito che ci viene dalla necessità per la mancanza di nuove vocazioni, ma è un invito evangelico, è Gesù stesso che ci chiama a questa preghiera insistente: “Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!” (Lc 10,2).

Durante il nostro incontro abbiamo continuato il lavoro di approfondimento e studio parallelo di Regola e Vita e Costituzioni per ricercare e riflettere sui punti costitutivi della nostra identità di Suore Francescane Missionarie del Sacro Cuore. Ci siamo soffermate sugli articoli 6, 7, 8 della Regola e Vita dei fratelli e delle sorelle del T.O.R. sulla formazione iniziale e continua.

Con cuore grato per quanto condiviso in questi due giorni, ci siamo salutate con il proposito di  rincontrarci presto e di mettere in pratica con l’aiuto di Dio le belle riflessioni fatte.

 “Messi da parte ogni preoccupazione e ogni affanno, si adoperino nel migliore dei modi per servire, amare, onorare ed adorare il Signore Dio con cuore puro e con mente pura”. (Reg.7)

 

Suor Marta Lucatelli, fmsc

 

 

Precedente Collegio di Ingegneria e Tecnologia della NWSSU Successivo Veglia diocesana per le vocazioni