8 Aprile – Festa ex alunne/i M. Immacolata

Ma chi l’ha detto che la scuola ha perso la sua missione educativa, il suo valore aggregante, la sua centralità nella formazione sociale, morale e culturale dell’individuo ? Tutto dipende dalle persone, da chi, nella scuola, dà il suo contributo… da chi la vive ogni giorno, come alunno, genitore, insegnante.

E se il percorso è stato fruttuoso, si vede nel tempo.

Domenica 8 Aprile, all’Istituto Maria Immacolata di Roma, quel frutto ha brillato, in tutto il suo splendore. Lo abbiamo donato prima di tutto al Signore, ringraziandolo nella Santa Messa, poi lo abbiamo regalato a chi è meno fortunato di noi, raccogliendo 1000 euro per la missione in Albania, infine ce lo siamo scambiato, vivendo una giornata di condivisione ed allegria. E sì, perché non c’è cosa più bella di condividere la gioia, sapendo di contribuire a rendere meno faticosa anche la quotidianità degli altri. E l’abbiamo fatto scambiandoci abbracci, risate, ricordi…. Siamo tornati a casa, ancora una volta. Nei corridoi, per quelle scale, straordinariamente infinite un tempo, che ci hanno visto salire con grembiule e zaino in spalla, nel refettorio (che piccolo sembra ora!), nella nostra Chiesa, dove festeggiavamo con tutti i genitori.. e suor Francescagnese che suonava l’organo, lassù.. in alto.

Ma bando alla nostalgia! Le nostre Suorine hanno suonato e cantato la Messa e le ringraziamo per la freschezza che ci hanno regalato. Nunzia ci ha donato un pensiero, l’Albero della vita, per ricordarci l’importanza delle radici nel dare buoni frutti.

E le nostre insegnanti, le maestre, le professoresse, ci hanno donato il loro tempo. Loro, le nostre radici, ora più vicine, più, come dire… compagne di una vita che comunque ci accomuna, anche se per strade e con destini diversi.

Veniamo al sodo: pranzo ottimo, dolci ancora meglio.. E che dire del caffè? un pensiero gentile offerto dalle.. “padrone di casa”!

Ma il bello è arrivato dopo il pranzo, quando, in genere, le persone “normali”… di una “certa età” , si assopiscono lentamente… Macché! Si è formato un improvvisato quartetto di valletti e presentatrici che ha fatto perdere il conto del tempo a tutta l’allegra brigata, in una lotteria a dir poco esilarante!
E non volevano smetterla di offrire premi e sorprese, tant’è che il comitato ha dovuto richiamarli all’ordine intorno alle 16.00, per tentare di chiudere la “televendita” e tornare a casa.

Io ho vinto una collana.. anzi.. no! Ho vinto la gioia di riassaporare le cose semplici, il piacere della compagnia e la voglia di mettermi in gioco.

Domenica 8 Aprile, all’Istituto Maria Immacolata, abbiamo rimesso i grembiuli e gli zaini in spalla….

Grazie a tutti quelli che hanno reso possibile questa magia !

Cinzia Mazzoli

 

Precedente Sabato Santo