21 Aprile a Centocelle: Concerto musicale in onore del nostro Fondatore, il Venerabile P. Gregorio Fioravanti dalle Grotte di Castro.

Questa volta P. Gregorio ha espresso da solo il desiderio di farsi conoscere e lo ha fatto a piccoli passi utilizzando persone a noi quasi sconosciute, persone che custodiscono in loro santi desideri di accedere a quella santità quotidiana che il Papa Francesco nel suo ultimo documento chiama  “La santità della porta accanto”.

Abbiamo scoperto proprio tra i genitori della nostra Scuola “Maria Immacolata” a Centocelle persone particolarmente interessate a conoscere la figura del nostro Fondatore P. Gregorio Fioravanti da poco dichiarato Venerabile e in lui approfondire la conoscenza della Congregazione e soprattutto delle nostre Missioni.

Hanno messo quindi a disposizione le loro possibilità e i loro talenti per rendere omaggio a lui, il Fondatore, ma anche alle sue Figlie che nell’ apprezzato Istituto Maria Immacolata e nel mondo intero, annunciano il Vangelo attraverso diverse  opere educative: le scuole, le case famiglia, le case di riposo per anziani, le attività parrocchiali e   tutte quelle realtà dove sono presenti.

Il talento era la musica e così ci è voluto poco per decidere che con il linguaggio della musica avrebbero reso possibile una serata musicale tutta in onore del Fondatore.

Ecco allora il Maestro Mattucci sensibilizzare il Coro polifonico “L’Ottava nota” il quale ci ha regalato un momento di grande entusiasmo.

Accanto ai 35 componenti il coro polifonico, hanno cantato anche i ragazzi della classe V, preparati con passione e con amore dallo stesso Maestro, e un gruppo di ragazzi liceali.

Lo spettacolo è stato aperto dal Cantico delle Creature recitato dal presentatore e da una suora mentre i cantori entravano dal fondo della chiesa, prendevano posto nell’ampio  presbiterio e iniziavano la loro esibizione con il canto “Dolce sentire…”

Lo spettacolo si è svolto con agilità tra canti classici di noti autori, alcuni brevi filmati sulla nascita della Congregazione, sullo sviluppo delle Missioni, gli attesissimi canti dei bambini che hanno provocato scrosci di battimani a lodare la compostezza, l’abilità, la maniera nuova di cantare che, pur impegnando al massimo la concentrazione dei  bambini, concede loro la libertà e non spegne la gioia. A coronare lo spettacolo ecco le danze preparate dalle giovani Juniores con le bandiere di tutto il mondo delle Francescane Missionarie del S. Cuore. Quello sventolio di colori, i passi di danza leggeri e sciolti, le parole del canto “Il tuo amore annuncerò….” più volte ripetuto ha commosso i presenti, in particolare i componenti del Coro che si sono augurati di essere nuovamente invitati a preparare un altro evento.

Precedente La Casa di Riposo di Duronia festeggia i 106 anni di zia Filomena Successivo Verso Casa Madre … nostra Terra Santa!