IL SIGNORE CONCESSE A ME DI COMINCIARE Così…

ESERCIZI SPIRITUALI: Un tempo privilegiato per cercare di incontrare gli occhi del Signore dopo tanto vagare, un po’ a caso, stancamente e, grazie al suo Spirito, decidere un nuovo inizio…
Non è mai troppo tardi per un nuovo inizio.
Attraverso il ritratto vivo di s. Francesco che offre il suo testamento spirituale ai i suoi figli, p. Marcello ci ha condotte a scoprire i tesori del cuore di un uomo profondamente afferrato e trasfigurato nella sofferenza dall’incontro con Dio, che si rivela nella la sua vita, come misericordia che perdona e rigenera. La semplice, incantevole cornice di Montale ci accompagna.
Nessuno mi mostrava cosa dovessi fare, dice Francesco, e la stessa situazione ci è consegnata, per confrontarci e determinare cosa fare di fronte e per Dio; per capire a che punto siamo nel suo progetto. Abbiamo il coraggio di rinunciare ai nostri piccoli piani, angusti progetti personali per abbracciare il Vangelo, che il Signore ci ispira momento per momento? Anche nei lebbrosi che anche noi Incontriamo, per Grazia, nel nostro cammino, come Francesco:
La via che il Signore addita al nostro santo padre, passa per i la carne di un Cristo sofferente che per noi ha vesti quotidiane fatte di diffidenza, scarto e rancore. E’ la via del figlio di Dio, che vive di fede, alternativa alla mentalità del mondo.
Alla scuola del Vangelo riscopriamo con gioia di essere figli del Padre che è nei cieli.
In alcuni scritti di Francesco p. Marcello ci ha offerto la via per essere figli nel Figlio Gesù Cristo, secondo l’insegnamento del santo padre Francesco:
o In l’OBBEDIENZA , secondo la proposta delle Ammonizioni, nella povertà da sé stesso, con carità e discernimento;
o praticando il LAVORO, che non deve essere fatto con cupidigia per la retribuzione, ma deve essere l’offerta da portare a Dio. E’ perciò parte integrante della vita spirituale. Partecipazione al lavoro della creazione , da deporre sull’altare nell’offertorio…
o Vivendo con castità : da figli, sposi, fratelli e madri del Signore Gesù Cristo, esprimendo la qualità di umanità più alta possibile, in tutte le nostre espressioni di vita: mangiare, dormire, lavorare, amare, cc. Perché Cristo è l’uomo casto per eccellenza e alla sua umanità perfetta dobbiamo uniformarci gradualmente!
Grazie Signore, per i tuoi passaggi nella nostra vita, rendici feconde!

Precedente COME DIO VUOLE Successivo VOLA SOLO CHI OSA!