Le Suore Francescane Missionarie del S. Cuore celebrano il venticinquesimo della loro missione in Albania

Nel giorno del martirio di San Giovanni Battista, 29 agosto 2019, le Suore Francescane Missionarie del S. Cuore hanno celebrato il venticinquesimo anniversario della loro presenza missionaria in Albania, precisamente a Dushaj, nella regione di Tropoja, una delle zone più lontane, più povere e disagiate della Diocesi di Sappa.
Con la partecipazione di molti fedeli scesi dalle montagne, di sacerdoti e suore della diocesi, di Scutari, sacerdoti venuti dal Kosovo, da Gjakova, Monsignor Hil Kabashi ofm e P. Lorenzo Lovro ofm, cosi’ come amici e benefattori venuti dalla Spagna, dall’Italia e dall’ Austria per l’evento, è stata celebrata una solenne Santa Messa nella chiesa di S. Giovanni, presieduta dal Vescovo Monsignor Simon Kulli.
Durante la predicazione il Vescovo ha sottolineato:
“Siamo qui oggi, in questa bella chiesa, per offrire tutti insieme l’Eucaristia a Dio Onnipotente come segno di ringraziamento per il dono e il servizio di queste suore e nello stesso tempo per pregare perché possano continuare la loro speciale missione di portare la gioia del Vangelo nelle nostre chiese di montagna.
25 anni nel servizio a Dio e all’uomo forse ai nostri occhi possono sembrare pochi, ma considerando in quali condizioni hanno cominciato la missione queste suore, davvero è una grande missione, una meraviglia che le suore hanno realizzato a lode di Dio e nell’attenzione al popolo”.
Durante questa celebrazione ha preso la parola anche la superiora provinciale delle suore, Sr. Cristiana Basso, che per 23 anni è stata missionaria in Albania, la quale con grande emozione ha salutato tutti i presenti con l’augurio di San Francesco “Pace e Bene”. Fra le altre cose Sr. Cristiana ha ricordato che le suore sono venute in questa terra 25 anni fa, perché il Signore le ha chiamate e mandate per annunciare il Vangelo e indicare al popolo la via del Signore, via di giustizia e di pace e per guarire questi fratelli nel corpo e nello spirito, a sanare le profonde ferite del regime comunista.
Ricordiamo che 25 anni fa le suore vivevano in una semplice casa, dove sono ancora oggi. Esse hanno servito ogni giorno con immenso amore prendendosi cura di tutti, ma soprattutto dei poveri e degli ammalati offrendo vari servizi nel campo sociale e sanitario, principalmente nell’ambulatorio. Inoltre hanno lavorato molto nel campo dell’educazione e della formazione dei bambini, dei giovani, privilegiando le ragazze.
Con un intenso ritmo di lavoro e d’amore costante, questa missione continua a far fiorire queste zone montuose, molto difficili per l’ambiente, ma piene di valori divini, morali e umani.

Da una trasmissione alla Radio Vaticana di Violeta Marashi
Precedente C’è Un Tempo Per Giubilare … Successivo “Andate e annunciate una lunga storia d’amore”