L’albero di pesco…

 

Laudato sì, mì Signore, per sora nostra matre terra,
la quale ne sustenta et governa,
et produce diversi fructi con coloriti fiori et herba.

            Ieri mattina, 29 febbraio, nel giardino del nostro Istituto, abbiamo  piantato un albero per ricordarci l’impegno assunto durante tutto questo anno scolastico e che ci vede impegnati (tutti)  “nell’assumere un’identità chiara, condivisa e solidale per favorire una crescita culturale ed etica nel rispetto e nella custodia del creato.”

            Abbiamo scelto come albero un pesco che per noi cristiani simboleggia la rinascita, perché è tra i primi che fiorisce in primavera e che ci richiama la Risurrezione di Gesù.

Il suo frutto: la pesca è simbolo di saggezza, perciò compare spesso nei dipinti della Vergine con il Bambino; il frutto con le foglie attaccate al picciolo, rappresenta la felice combinazione delle virtù del cuore e della parola.

            Una leggenda, legata all’albero del Pesco narra di un pescatore che trovò, nello stomaco del pesce che lo fece tanto tribolare per essere catturato, uno strano nocciolo. Il pescatore lo piantò nel suo giardino e ne nacque un albero dagli straordinari fiori di color rosa. Chiamò, quindi, il primo frutto che raccolse “Pesca” proprio perché l’albero nacque da un seme “pescato”.

In un caldo abbraccio intergenerazionale, i rappresentanti di tutti gli ordini della nostra scuola, ma in particolare i bambini della scuola dell’infanzia e i bambini della prima e seconda elementare, hanno ricordato attraverso il canto “Laudato Si’” di S. Francesco l’importanza di una vera ecologia nel nostro mondo: ambientale, economica e  soprattutto sociale.

            Mentre i  ragazzi del Liceo guidati da nonno Gioacchino preparavano la buca per piantare l’albero noi, tutti insieme, cantavamo la canzone di Sergio Endrigo: “Ci vuole un fiore”…

Le cose d’ogni giorno raccontano segreti
A chi le sa guardare ed ascoltare

Per fare un tavolo ci vuole il legno
Per fare il legno ci vuole l’albero
Per fare l’albero ci vuole il seme
Per fare il seme ci vuole il frutto
Per fare il frutto ci vuole il fiore
Ci vuole un fiore, ci vuole un fiore
Per fare un tavolo ci vuole un fiore …

… Per fare tutto ci vuole un fiore.

Un grazie di cuore a nonno Gioacchino che con la sua naturale saggezza ci ha aiutati ad arricchire il nostro giardino di un nuovo albero: Un albero di pesco.

 

 

 

 

 

Precedente SENZA SOSTA NELLA VIGNA DEL SIGNORE Successivo La missione educativa della scuola cattolica oggi in Italia tra teoria e pratica